OPERATORE SOCIALE DELL’ACCOGLIENZA

Il corso per Operatore sociale dell’accoglienza è rivolto alle figure professionali che operano, o aspirano ad essere inserite, in istituzioni pubbliche e private e in particolare, nei servizi semiresidenziali e residenziali, preposti all’accoglienza dei migranti richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale ed umanitaria.

Il percorso formativo ha l’obiettivo di offrire uno spazio di riflessione ed approfondimento teorico-pratico sul ruolo degli operatori presso i centri SPRAR.

 

Profilo in ingresso

L’attività formativa si rivolge a soggetti in possesso di una laurea in psicologia o scienze della formazione o che possano dimostrare di avere una comprovata esperienza nel campo dell’accoglienza e della presa in carico di richiedenti asilo, titolari di protezione internazionale e umanitaria, minori stranieri non accompagnati e vittime di tratta.

 

Profilo in uscita

Al termine del percorso formativo, l’Operatore sociale dell’accoglienza, avrà acquisito un bagaglio di conoscenze, competenza e strumenti operativi utili per lo svolgimento delle attività all’interno dei centri SPRAR o altre strutture similari.

 

Metodologie didattiche

Il percorso formativo, della durata di 48 ore, ha una struttura didattica articolata in moduli formativi. Le attività corsuali prevedono lezioni frontali, lavori in team, esercitazioni per l’apprendimento delle modalità operative, visite guidate e studi di casi concreti di problematiche che possono verificarsi all’interno di un centro SPRAR.

Dal punto di vista organizzativo, il percorso avrà formula weekend: si terrà il venerdì pomeriggio e il sabato per 4 settimane, presso la sede di Ovale srl, a Roma, in via Flaminia n. 53.

 

PROGRAMMA

MODULO 1 – LA PROTEZIONE DEI RICHIEDENTI ASILO E TITOLARI DI PROTEZIONE INTERNAZIONALE O UMANITARIA

  • Il quadro giuridico e normativo
  • Diritto internazionale e migrazioni;
  • Diritto comunitario e migranti provenienti da paesi terzi;
  • La normativa europea e italiana sul diritto d’asilo;
  • Protezione internazionale e umanitaria dei RARU
  • L’accoglienza dei RARU in Italia
  • La cornice europea: modelli di integrazione e sistemi di accoglienza;
  • I centri governativi e il sistema Sprar;
  • La presa in carico individuale;
  • Il progetto territoriale come parte integrante del welfare locale.

 MODULO 2 – IL SISTEMA S.P.R.A.R.

  • Il ruolo dell’operatore d’accoglienza
  • Il lavoro di équipe
  • Le attività di orientamento, accompagnamento e integrazione
  • La tutela della salute

MODULO 4 – GLI ASPETTI LEGALI

  • Il diritto in materia di asilo;
  • Qualifiche e procedure per il riconoscimento della p.i.;
  • La preparazione all’audizione presso la Commissione Territoriale;
  • Dinieghi e ricorsi

MODULO 5 – COMUNICAZIONE E MEDIAZIONE 

  • Comunicazione verbale e non verbale
  • Comunicazione e gestione dei colloqui
  • La gestione dei conflitti
  • Tecniche di mediazione linguistica e culturale

 MODULO 6 – IL SOSTEGNO PSICOLOGICO

  • La valorizzazione delle emozioni nella relazione d’aiuto
  • Codificazione emotiva del proprio comportamento con persone di culture diverse
  • Consapevolezza delle differenze culturali nell’espressione delle emozioni
  • Chiarezza, motivazione e personalizzazione dell’accoglienza alla base dell’operare
  • Stress e burnout nelle relazioni di aiuto

CHIUSURA DEL CORSO

 Il corso si svolgerà se sarà raggiunto il numero di 10 iscritti. Il costo è di € 500,00 a persona.